Come sempre mi salva una parola
che sia il buio a dirla, o io
nello spazio scolpito dalla luce: è lì
tesa alle labbra
come fosse matura e ancora acerba
– come una promessa –
il mio frutto rosso di superbia.

Annunci