Avidi i pensieri
mischiati ai corpi
strenui delicati
estranei
noi li divorammo subito
al primo colpo di vento
negli occhi.

Durava una notte
il rumore affranto di chi sa
che non basta.

Annunci