Tutta me nel tuo ventre comporrei in pace
– se morissi ancora o in nascita la prima volta –
sepolta al parto, come una madre
costruita a braccia di respiri e urla.

Tu sei l’origine che culla.
E il viso a risalir correnti: e il fondoluce.

Annunci