Senza titolo (settembre) – di E

Sferragliano i treni,
è una fredda mattina di settembre;
riluce il metallo,
alcuni occhi nella folla,
il mio smalto
blu
..E…, cosa ti viene in mente
la strada verso il mare
è una via di parole
la sua poesia
non diversa,
non uguale

La sento, credimi
bella
come un ulivo antico
un sampietrino grigiazzurro,
superstite,
il colore dell’iride
negli occhi abbassati
quando un istante guardano
una vertigine che cade nell’oceano
bella come la notte
o il mio corsivo,
tanti anni fa

Annunci