Cenere di focolaio
spento come d’estate
quando il calore è dentro
brucia tutte le corde
e sei sospeso
passato e presente.

Del vuoto sai che è lì
chiama a raccolta, sempre.