Anna Maria

“Viene l’estate”, hai detto,
ed è Febbraio: io sola capisco
quanto ormai appartieni al mondo che volevi da sempre.

Parli delle bombe sul rifugio
dove tua madre ti ha fatta, parli del niente.
Ma riconosco ogni tua parola
anche prima che tu l’abbia in bocca.

Sei davanti a me, intera
e io ti ritorno dentro.

Pulisco il tuo corpo
ti ascolto
non abbiamo altri segreti
tranne, finalmente, l’amore.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 172 follower